I METODI DI ALLENAMENTO

Allenamento Metabolico

L’allenamento metabolico è consigliato al cliente che porta alcune disfunzioni classificate sotto il nome di Sindrome Metabolica. E’ il nome di un gruppo di fattori di rischio legati al sovrappeso e all’obesità, che aumentano le probabilità di malattie cardiache ed altri problemi di salute come il diabete e l’ictus.

Cause e Sintomi

La sindrome metabolica viene diagnosticata quando una persona presenta almeno tre di questi fattori di rischio di patologie cardiache:

Un largo girovita: questa condizione è anche definita come obesità addominale: l’eccesso di grasso nella zona addominale è un fattore di rischio per le malattie cardiache maggiore rispetto al grasso in eccesso in altre parti del corpo, come ad esempio sui fianchi.

Un livello superiore a quello normale di trigliceridi nel sangue: un tipo di grasso presente nel sangue.

Un livello più basso del normale di colesterolo HDL: considerato colesterolo buono perché riduce le probabilità di patologie cardiache.

Ipertensione arteriosa (pressione alta): la pressione sanguigna è formalizzata con due numeri, di solito scritti uno sopra l’altro o uno prima dell’ altro , come 120/80. Il primo numero o quello che sta sopra , corrispondente alla pressione sistolica, misura la pressione nel sangue quando il cuore batte. Il secondo numero o quello che sta sotto, corrispondente alla pressione diastolica, misura la pressione nel flusso sanguigno tra i battiti del cuore quando il cuore è rilassato.

Livelli di glicemia a digiuno più alti del normale: un livello di glicemia lievemente elevato può essere un segno di allarme precoce del diabete.

 

Allenamento Funzionale

L'allenamento funzionale è un metodo finalizzato a migliorare sensibilmente la componente coordinativa oltre che il condizionamento metabolico. Per il cliente esigente che non ama le macchine “tradizionali”, questo metodo utilizza diverse modalità di esecuzione, velocità di contrazione muscolare e migliora la coordinazione. Basato sull’esecuzione di esercizi semplificati e specifici si prefigge molteplici obiettivi fondamentali :

  • Allineamenti posturali
  • Elasticità muscolare
  • Reattività
  • Equilibrio statico e dinamico
  • Resistenza alla forza
  • Forza (in tutte le sue modulazioni e combinazioni possibili)

 

 

Con l’ampio utilizzo degli esercizi in instabilità (si lavora su palla fit, BOSU, pedane basculanti) si attivano i sistemi di propriocezione con coinvolgimento di tutti i muscoli e conseguente contrazione dei muscoli stabilizzatori tonico-posturali i quali aiutano a far rientrare nei parametri stabiliti (feed-back) il nostro sistema motorio.

I vantaggi di questo tipo di allenamento non sono trascurabili: 1h di questo lavoro equivale ad 1h a una seduta in sala pesi o una corsa continua ad 8 km/h ma con un evidente maggior stimolo della muscolatura.

 

Circuito Cardiovascolare (PHA)

I circuiti rispettano il principio del P.H.A.  ovvero allenare masse muscolari localizzate in distretti lontani uno dal'altro. È una metodica ottima perché, oltre che tonificante, è allenante per il sistema cardiocircolatorio.

Il circuito nasce dall'esigenza di conciliare nella stessa seduta di allenamento stazioni di tonificazione tramite l'utilizzo di manubri, bilancieri, macchine isotoniche, elastici, corpo libero ecc., alternate a stazioni aerobiche eseguite o sulle classiche attrezzature cardio presenti nelle sale fitness quindi step, bike, vogatori, treadmill, elittiche ecc oppure tramite movimenti ciclici eseguiti a corpo libero come camminata, corsa, saltelli, step ecc..

I risultati si vedono in tempistiche relativamente brevi. Il cliente si sente meglio a livello fisico e di conseguenza anche a livello psichico. Diviene più semplice effettuare i movimenti di tutti i giorni (il così detto fitness funzionale) e quelli che si faceva fatica ad eseguire (esempio correre).

È un allenamento vario e divertente non legato a orari (vedi corsi collettivi) o a strutture particolari. È adatto a tutti donne e uomini e ragazzi.


Allenamento per Diabetici di tipo 2

A differenza delle altre malattie metaboliche, nel diabete tipo 2  la risposta del corpo all'esercizio fisico  è ottima; i classici sintomi del diabetico, come l'astenia, alcuni problemi posturali e di deambulazione oppure articolari dovuti a danni causati da alti picchi glicemici, possono essere notevolmente migliorati grazie all' occhio attento del personal trainer.

L'allenamento a circuito risulta l'allenamento ottimale per questa tipologia di pazienti. Il lavoro a circuito che andremo a proporre a questo tipo di soggetti sarà diverso dal classico lavoro a circuito,perché dovrà essere soggettivo ed adattato ad ogni caso specifico.

E' molto importante che la durata massima di ogni stazione aerobica non sia superiore a 30 secondi. Si inizia con un circuito completo per poi passare, in seguito e dopo aver raggiunto il giusto allenamento, a 3 circuiti completi intervallati da 3-5 minuti di recupero tra uno e l'altro.